fbpx
/
/
Ok Google, parla con Libro Parlato! La lettura degli audiolibri con Alexa Echo e Google Home

Ok Google, parla con Libro Parlato! La lettura degli audiolibri con Alexa Echo e Google Home

Il CILP Assistant: uno strumento consentire a chi è affetto da disabilità la lettura di migliaia di audiolibri tramite un servizio senza scopo di lucro.

È stato realizzato dal team Mostaza per il Centro Internazionale del Libro Parlato (CILP), un’associazione che opera nella progettazione e produzione di audiolibri in formato digitale, trascrizioni di testi in formato elettronico, stampe braille e rilievi.

Il CILP assistant è un software che estende e le funzionalità che l’ecosistema del CILP mette a disposizione, integrandole. L’interazione semplificata è vocale/uditiva e avviene tramite le piattaforme di Google Assistant e di Amazon/Alexa Echo. Per utilizzarlo basta attivare la skill gratuita di uno di questi device, ormai largamente diffusi grazie anche al prezzo abbordabile.

Il Centro Internazionale del libro parlato

Il CILP mette a disposizione dei suoi iscritti migliaia di audiolibri e audioriviste lette da volontari chiamati Donatori di Voce. Il servizio è disponibile solo per utenti con disabilità visive o motorie, per i quali la lettura di un libro tradizionale potrebbe risultare difficoltosa se non impossibile.

Nell’area iscritti dell sito web del CILP gli utenti possono cercare, visualizzare, prenotare e ascoltare in streaming audio i circa 14.000 libri presenti nell’archivio.
L’ascolto è fruibile tramite qualsiasi browser su computer o dispositivi mobili, in supporto ci sono inoltre le app per iOS e Android e gli assistenti vocali Amazon Alexa e Google Assistant.

Amazon Alexa e Google Home

Gli assistenti vocali sono una famiglia di device, solitamente privi di schermo, con cui è possibile interagire con la voce.
Questa tecnologia, ancora in fase di sviluppo, ha visto una crescita dal 2014, anno in cui è stata lanciata Alexa e ha delle potenzialità che in futuro potranno rivoluzionare la nostra vita quotidiana.
Già al giorno d’oggi gli assistenti vocali sono utili, ma le loro applicazioni potenziali sono quasi infinite.

I due principali competitor del settore sono Alexa Echo e Google Assistant; entrambi permettono di sviluppare delle estensioni, chiamate rispettivamente skill e action, per estendere le funzionalità dei device.
Il dispositivo, appoggiandosi ai server di Google o Amazon, riconosce i comandi dell’utente e li mappa su delle azioni, eventualmente parametriche, che possono essere realizzate da un server di terze parti.

Il grande vantaggio di questo tipo di soluzione è che l’interpretazione dell’audio e la mappatura da frase ad azione viene svolta interamente da Google o Amazon in maniera particolarmente efficace, sfruttando anche alcuni principi di intelligenza artificiale per adattarsi a minime variazioni delle frasi definite.
Se per esempio pronunciamo “cerca Harry Potter nel catalogo” l’assistente capirà che vogliamo richiamare l’azione di ricerca, passando come parametro “Harry Potter”, operazione tutt’altro che banale.

Funzionalità

CILP Assistant è disponibile sulle piattaforme Alexa e Google Assistant. In entrambi i casi l’integrazione ha il nome di Libro Parlato ed è offerta gratuitamente per tutti gli utenti del CILP.

L’integrazione può essere utilizzata per Alexa usando uno dei dispositivi fisici, come Amazon Echo, oppure tramite l’app mobile Alexa. Sulla piattaforma Google Assistant è possibile utilizzarla usando uno dei dispositivi fisici, come Google Home, oppure tramite l’assistente Google che è disponibile sulla grande maggioranza degli smartphone esistenti sul mercato.

Accesso

Sia su Alexa che su Google Assistant è possibile trovare l’integrazione semplicemente invocando, rispettivamente:

“Alexa, apri Centro del Libro Parlato”
“Ok Google. Parla con Libro Parlato”

La prima volta che si utilizza il CILP Assistant sarà necessario associarlo al proprio account. Questa operazione può essere effettuata tramite le app mobile di Alexa oppure Google Home, ove verrà proposto di eseguire il login (anche detto “Account Linking”) con il proprio account CILP. Una volta svolta questa operazione sarà possibile interagire con gli assistenti utilizzando soltanto la voce.

Segnalibri

I segnalibri sono sincronizzati tra i dispositivi utilizzati da ogni utente: è possibile la lettura di più libri in contemporanea e passare dall’ascolto al computer o smartphone a quello tramite uno o più assistenti vocali senza perdere il segno, e viceversa.

Azioni

Le funzionalità principali per la gestione dei propri audiolibri sono sempre disponibili e di facile utilizzo. Ad esempio è possibile richiedere informazioni sul proprio account con “Aiuto”, “Cosa posso fare?”, o “Quanti libri posso leggere?”.

È possibile riprendere la lettura chiedendo “Dove ero rimasto?” per conoscere l’ultimo libro letto e la posizione del segnalibro, “Cosa sto leggendo?” per sapere gli ultimi 5 libri in lettura, oppure semplicemente “Riprendi” per ricominciare la lettura dell’ultimo libro a partire dal segnalibro.

Per scoprire ed iniziare nuove letture è disponibile la ricerca pronunciando “Cerca nel catalogo”. La ricerca viene svolta da un motore di ricerca dedicato che gestisce i comuni errori dovuti alla pronuncia di titoli parziali o a riconoscimenti non precisi di alcune parole, soprattutto straniere. Una volta selezionato il libro dai risultati l’utente può, prima di iniziarlo, ascoltare la sinossi. In questo caso, non essendo disponibile un audio, la sinossi viene letta direttamente dal motore vocale dell’assistente, con ottimi risultati.

Ascolto

Quando si passa all’ascolto di un audiolibro, il CILP Assistant chiude la conversazione e avvia la riproduzione dell’audio. Durante l’ascolto restano comunque a disposizione i comandi veloci per la riproduzione. Si può cambiare capitolo pronunciando “prossimo”, “precedente”, oppure mettere in pausa dicendo “pausa” e riprendere dicendo “riprendi”.

Invece se mentre si ascolta un libro si vuole fare un’altra richiesta, oppure usare un comando più complesso, è possibile pronunciarlo richiamando prima l’assistente vocale. Ad esempio “Alexa, apri Libro Parlato e chiedi di andare all’ultimo capitolo”, oppure “Ehi Google, fammi parlare con Libro Parlato e chiedi di ricominciare il libro”.

Ricezione

Nel 2021 l’assistente vocale per dispositivi Alexa Echo è stato utilizzato da un pubblico di circa 200 utenti che hanno interagito più di 4.000 volte con il device.

La maggior parte delle interazioni riguardano la ripresa della lettura e la navigazione all’interno dei capitoli. Molto usata è anche la funzionalità “pausa” che salva il segnalibro e ferma la riproduzione dell’audio. Anche la funzionalità di ricerca viene usata spesso, in prospettiva, trattandosi comunque di un’azione meno frequente.

L’8% circa delle richieste ricadono nella funzionalità di fallback, ovvero non vengono comprese dall’assistente che in risposta pronuncia:

Non ho capito. Se non sai cosa puoi fare pronuncia “Cosa posso fare?” per ricevere aiuto.

È importante infatti fornire all’utente un modo di capire il proprio errore e migliorare la comprensione dell’assistente vocale, perché una volta raccolti abbastanza dati, attraverso l’analisi di questi dati, sarà possibile migliorare questo valore.

L’assistente Google, meno diffuso, non presenta ancora dati di utilizzo significativi.

Miglioramenti

Il processo di autenticazione infatti non è dei più semplici per persone affette da gravi disabilità visive o motorie. Per scelte dei produttori infatti è necessario passare per l’applicazione mobile di Alexa o Google Home presenti sul proprio telefono. Siamo alla ricerca di un metodo per permettere l’uso autenticato dell’assistente utilizzando soltanto la voce, superando così un altro gradino sul fronte accessibilità.

Gli utenti del centro non sono soltanto persone con disabilità visive: per questo motivo il supporto esteso ai dispositivi con schermo, come Echo Show, possono migliorare l’esperienza utente offrendo controlli audio, copertine o, per alcuni libri selezionati, la sincronizzazione dell’audio con i sottotitoli.

Conclusioni

Spesso si considerano gli assistenti vocali qualcosa di superfluo, a volte inutile, ma lavorare a queste applicazioni ci fa capire quanto la tecnologia possa servire a migliorare la nostra vita ogni giorno, proprio come fa il CILP assistant.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Potrebbe interessarti anche...

Web Apps
Sono i numeri a dircelo: dare la possibilità ai nostri clienti (e potenziali clienti) di personalizzare il prodotto che offriamo, aumenta l’engagement e aiuta a rafforzare la nostra credibilità. Il risultato? Le vendite crescono. Ma i vantaggi non…
Tempo di lettura: 2 minuti

Stanco di scorrere?

Scarica una versione pdf per una più semplice lettura offline e condivisione con i colleghi

Ok Google, parla con Libro Parlato! La lettura degli audiolibri con Alexa Echo e Google Home
Il CILP Assistant: uno strumento consentire a chi è affetto da disabilità la lettura di migliaia di audiolibri tramite un servizio senza scopo di lucro. È stato realizzato dal team Mostaza per il Centro Internazionale del Libro Parlato (CILP),…

Scarica la versione stampabile

Ricevi il PDF di questo articolo al tuo indirizzo email.
Ok Google, parla con Libro Parlato! La lettura degli audiolibri con Alexa Echo e Google Home
Il CILP Assistant: uno strumento consentire a chi è affetto da disabilità la lettura di migliaia di audiolibri tramite un servizio senza scopo di lucro. È stato realizzato dal team Mostaza per il Centro Internazionale del Libro Parlato (CILP),…